Wake me up when september ends.

Eccomi qui. Tempestiva eh?!?

Ieri il rientro e finalmente ho il mio computer con me, confesso di essere stata tentata di scrivere un post durante le vacanze, usando l’iphone, ma poi l’idea di perdere la vista sotto l’ombrellone mi ha fatto demordere.

Non starò qui a raccontarvi di quanto sia stato fico essere in ferie, ed effettivamente lo è stato molto, ma penso siano bastate le foto postate su Instagram a rendere l’idea.

Vorrei, piuttosto, raccontarvi di quanto odi il mese che è alle porte.

Settembre crea in me uno stato di ansia che difficilmente provo negli altri periodi dell’anno. Io vivo nell’ansia perenne, ma nella scala dei periodo più ansiogeni c’è in cima proprio quello che sta per arrivare!
Fin da quando ero piccola, il solo vedere che in televisione iniziavano a sponsorizzare zaini, diari e oggetti per la scuola, generava in me agitazione e mi riportava con la mente alla realtà, impedendomi di godermi a pieno gli ultimi giorni di vacanza.

Sono fatta così: non riesco a vivere il momento, la mia testa va oltre e inizia ad organizzare e pianificare quello che dovrò affrontare nel periodo successivo a quello in corso.

E anche quest’anno, puntuale come la nonna quando deve andare all’Auchan, è giunto il tempo di fare i conti con ciò che verrà.

Il tentativo di non darmi per sconfitta fin dall’inizio, buttando la spugna di fronte all’inesorabile ritorno alla routine di tutti i giorni, mi ha spinta a ragionare sui miei obiettivi futuri, piuttosto che soffermarmi sulla merdosità del non godermi più la quotidianità con Mia, dell’uscire dal lavoro quando è già buio, del congelare appena messo il naso fuori di casa e di tutte le altre sgradevolezze che l’autunno e poi l’inverno si portano dietro.

Ecco quindi una lista degli obiettivi che vorrei raggiungere quest’anno, più che di traguardi da tagliare, si tratta di tentativi di gestire al meglio la mia esistenza, evitando di lasciarmi travolgere dagli impegni e dalla noiosa quotidianità.

Il primo e assolutamente indispensabile passo da compiere è quello di riprendere a fare attività fisica, di qualsiasi tipo, prima che il mio corpo si decomponga e mi ritrovi con le chiappe alle caviglie.
Non sono mai stata un’atleta, non sono brava in nessuno sport (a meno che non si faccia rientrare il fracassamento di palle tra gli sport) ma ho sempre cercato di mettere una pezza al flaccidume dilagante e di fare qualcosa che mi permettesse di scofanarmi porcate in quantità senza sentirmi in colpa e, soprattutto, senza trasformarmi in Giuliano Ferrara.
L’anno scorso avevo iniziato a correre, niente di esagerato, facevo 5 km arrancando e arrivavo a casa con la faccia di chi ha appena finito la maratona di New York, elemosinando acqua e zucchero per scongiurare il rischio svenimento. Non mi sono mai appassionata realmente alla corsa, ma mi faceva sentire relativamente bene o, comunque, ero riuscita a convincere il mio cervello che fosse così e almeno tre volte alla settimana mi costringevo a scollare il culo dal divano e lanciarmi in pasto alle zanzare all’ora del tramonto, avevo addirittura investito ben € 12.90 nell’acquisto di un paio di scarpe da corsa del Decathlon, a dimostrazione di quanto seriamente avessi preso la cosa.
Poi ho iniziato a lavorare e non sono più riuscita a organizzarmi, finendo molto tardi la sera, inevitabilmente ho dovuto rinunciare all’attività fisica arrendendomi alla suprema forza di gravità che attrae inesorabilmente le mie chiappe al suolo.

Il secondo obiettivo che intendo raggiungere è quello di cominciare a studiare per l’esame di Stato. Quando mi sono laureata ho ringraziato Dio di non dover mai più sottopormi a esami e, conseguentemente, passare ore, giorni, mesi sui libri. Ovviamente avevo messo in conto che non avrei potuto e voluto inseguire il sogno di diventare Avvocato, convinta che l’avere Mia avesse reso impossibile la sua realizzazione. Poi mi sono ricreduta e sono ricaduta nel tranello che da sempre mi tendo da sola: aspirare a cose che richiedono sbattimenti immani per essere realizzate, maledicendo per tutti gli anni a venire il giorno in cui ho preso la decisione di intraprendere quel percorso.
In realtà, avendo iniziato il praticantato a novembre, non potrò partecipare all’esame che si terrà quest’anno e dovrò attendere il 2017, ma parto svantaggiata rispetto alla stragrande maggioranza dei candidati, che lo affronterà dovendo pensare solo allo studio, potendosi concentrare a pieno: con una nana al seguito e un lavoro che mi occupa la maggior parte della giornata credo che mi toccherà dedicare la pausa pranzo alla preparazione e temo, tra l’altro, che non sarà assolutamente sufficiente. Ma è troppo presto per consentire anche a questa ansia di prendere piede, quindi, per ora, mi accontento di trovare dei piccoli buchi di tempo in cui iniziare a studiacchiare qualcosa.
Non sto nemmeno qui a dirvi quanto questa cosa mi faccia cacare, ma mi tocca e affronterò il tutto stoicamente (non è vero, lo farò lamentandomi fino a quando avrò fiato).

Il terzo punto su cui intendo lavorare è la mia vita sociale. Ebbene si, un tempo ne avevo una.
Ora il massimo della convivialità lo raggiungo quando scambio due chiacchiere con la panettiera sotto lo Studio o quando incontro una cancelliera simpatica in Tribunale (caso assai raro, posto che per diventare cancelliere devi superare il test di stronzaggine e solo se sei veramente ma veramente acida e scorbutica ti è concesso l’accesso alla professione).
Ho quindi pensato che per prima cosa sarebbe più che opportuno che io e Loris reintroducessimo la nostra uscita di coppia mensile: quando Mia ha compiuto un anno, abbiamo deciso che avremmo dedicato almeno una sera al mese solo a noi due (si trattava di una cena, non immaginatevi notti folli, motel o festini) ma serviva a me e a noi, anche solo per riuscire a rivolgerci la parola e trattare argomenti diversi dal “stasera porto fuori l’umido o il secco?”. Poi non so bene cosa sia successo ma gradualmente abbiamo abbandonato questa abitudine ancor prima che la si potesse realmente definire tale.
Ma vi dirò di più: il traguardo dei traguardi sarebbe quello di introdurre, oltre alla cena di coppia, un’uscita tra amici. Probabilmente quando li rincontrerò stenteranno a riconoscermi, qualcuno si presenterà, pensando che sia nuova della zona, visto che anche sotto questo punto di vista ho veramente molto da contestami.
La nana ha ormai 2 anni e qualche mese e le uscite che ho fatto con le mie amiche da quando è nata si contano sulle dita di una mano, a costo di essere ripetitiva, anche in questo caso, devo dire che prima che il praticantato si appropriasse della mia esistenza riuscivo a ritagliarmi un po’ più di tempo per me (parlo in termini di un paio di ore al mese, ma ad oggi anche quelle sono una vera e propria utopia!).

Credo di dovermi fermare qui, perchè già questo breve elenco di buoni propositi rischia di rimanere solo sulla carta, non vorrei disattendere ulteriori aspettative scritte nero su bianco.

In ogni caso, io il tentativo di andare a dormire sperando di svegliarmi il primo di ottobre lo faccio.

Buon settembre a tutti, soprattutto a chi, come me, lo odia con tutto se stesso!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

12 thoughts on “Wake me up when september ends.

  1. Ciao Eleonora, non ti seguo da molto, ma la vostra spontaneità e genuininità mi hanno fatto appassionare al tuo blog.
    Sono una studentessa di Medicina e anche io mi sento in questo modo. Odio settembre, odio quello che sta per accadere (ultimo esame di merda alle porte)e dire che ho l’ansia per qualsiasi cosa, è dire poco! Ma ce la faremo, ce la farai! Ogni tanto fa bene anche guardare indietro e vedere quanti risultati e quanti successi sono stati conquistati. E tu sei più che ammirevole. Ammetto che, personalmente, non ce l’avrei mai fatta se avessi avuto un figlio durante il mio percorso di studi! E invece eccoti qua, sembri tanto forte, tanto determinata e ti sei preparata ad una delle professioni più difficili! Forza, il meglio deve ancora venire (citazione banale quanto “rinvigorente”)!😂
    Con ammirazione, Francesca

    Mi piace

    • Ciao Francesca, grazie mille. In realtà, il segreto e andare avanti, senza farsi troppe domande su come andrà, senza permettere a dubbi e incertezze di avere la meglio, io sto facendo così: vado avanti, mettendocela tutta, così da non potermi rimproverare nulla, comunque vadano le cose. Te lo dice una che ha lasciato l’università un paio di volte perchè aveva gli attacchi di panico prima degli esami! In bocca al lupo per il tuo ultimo esame e per tutto il tuo percorso! A presto! 😘

      Mi piace

  2. Ciao Eleonora! Da un po’ di tempo seguo abitualmente il tuo profilo instagram che mi ha permesso di imbattermi poi in questo tuo blog. Intanto grazie. In primis per le risate che ci fai fare, e poi perché ci fai sentire tutte un po’ più “umane”. I tuoi post parlano di cose reali, di vita quotidiana, dei piccoli problemi di ogni giorno e forse in tutta questa baraonda di persone che nei loro blog ostentano figaggine improvvisandosi testimonial di questo o di quest’altro brand, ce n’era veramente bisogno. L’ansia di settembre poi, è un sentimento più che condiviso. Io mi sono ripromessa un bel po’ di cose esattamente come te e spero proprio di riuscire nel mio intento, soprattutto per quel che riguarda la vita sociale e il tempo per me stessa. Auguro a te di ricominciare alla grande e vedrai che grazie alla tua tenacia, nonostante debba destreggiarti tra l’essere mamma e altre mille cose, riuscirai a conquistare il tuo traguardo!

    Mi piace

    • Ciao Federica! Grazie mille innanzi tutto per aver letto e in secondo luogo per i complimenti! Il blog è nato proprio per questo: raccontarmi e esprimere le mie opinioni, per quanto questo mi costi l’ira di chi si senza deliberatamente chiamato in causa! In bocca al lupo a noi per questo settembre! A presto! ☺️

      Mi piace

  3. Eccomi ! Studentessa di giurisprudenza con un bimbo. Sono a -1 esame dal traguardo e credo che metterò il mio grande sogno di diventare avvocato in un profondo cassetto per poi chiuderlo e gettare la chiave.
    Un buon settembre Eleonora !

    Mi piace

  4. ele il profilo instagram è diventato privato? 😦
    idea per un prossimo post: il “fertility day”! sono curiosa di sentire la tua opinione, mi interessa molto.
    un abbraccio

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...